Il Testo Unico in materia di tutela della salute e sicurezza sul lavoroD.lgs. 81/2008 – prevede corsi di formazione obbligatori per i diversi soggetti presenti in azienda: Lavoratori, Preposti, Dirigenti, Addetti antincendio, Addetti al primo soccorso, Datore di lavoro con funzione RSPP.

La formazione aziendale oggi rappresenta quindi al tempo stesso un obbligo di legge ed uno strumento fondamentale per la riduzione degli infortuni sul lavoro, lo sviluppo e la crescita culturale all’interno dell’impresa.

Formazione lavoratori (art. 37 D.lgs. 81/2008)

Il Decreto Legislativo 81/2008 e s.m.i., conosciuto anche come Testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro, stabilisce che il datore di lavoro è obbligato a garantire che ogni lavoratore riceva una opportuna e necessaria formazione in materia di salute e sicurezza, specialmente riguardo al proprio lavoro e alle proprie mansioni.

La formazione dei lavoratori sulla sicurezza è quindi uno dei principali obblighi a carico del datore di lavoro, così come previsto in diversi articoli del D. Lgs. 81/2008. Primo fra tutti, l’art. 37 del D. Lgs. 81/2008 prevede che il Datore di lavoro provveda alla formazione dei lavoratori, secondo i contenuti e la durata previsti dall’Accordo Stato Regioni del 21/12/2011.

L’Accordo Stato Regioni sulla formazione sicurezza lavoratori prevede una durata dei corsi variabile in funzione del settore di appartenenza dell’azienda. La formazione obbligatoria è composta da un modulo di carattere “generale”, di durata minima 4 ore e comune a tutte le aziende, e un modulo di carattere “specifico”, con durata variabile tra 4 e 12 ore secondo la classificazione dell’azienda basata sui codici ATECO 2007.

La mancata frequentazione dei corsi di formazione per i lavoratori può implicare, per il Datore di Lavoro, una sanzione penale che prevede l’arresto da due a quattro mesi o ammenda da € 1.315 a € 5.699 (art. 37 e art. 55, D.lgs. 81/2008 e s.m.i.) e il conseguente obbligo di adeguamento alle disposizioni vigenti.

Nella tabella sottostante sono riportati le modalità di formazione dei lavoratori secondo le disposizione dell’Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011.

formazione

Per tutti i lavoratori, indipendentemente dalle classificazione di rischio aziendale, è previsto un aggiornamento periodico obbligatorio ogni 5 anni, con durata minima di 6 ore.

Formazione preposti e dirigenti (art. 37, D.lgs. 81/2008)

Il Decreto Legislativo 81/2008 e s.m.i., prevede una formazione particolare per i lavoratori che svolgono il ruolo di Preposti e Dirigenti all’interno dell’Azienda.

L’Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 ha stabilito le modalità e la durata dei corsi di formazione per tali soggetti:

  • PREPOSTI: corso 8 ore (aggiuntiva alla formazione dei lavoratori)
  • DIRIGENTI: corso 16 ore (in sostituzione alla formazione dei lavoratori)

Per i Preposti e Dirigenti è previsto un aggiornamento periodico obbligatorio di 6 ore (durata minima) ogni 5 anni.

Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011

Formazione addetti gestione emergenze

– Formazione addetti al primo soccorso (D.M. 388/2003)

L’organizzazione del pronto soccorso aziendale è un obbligo sancito dal D.lgs. 81/2008 e s.m.i. e dal D.M. 388/2003.

Il Decreto Ministeriale n. 388, del 15 luglio 2003, recando disposizioni in materia di pronto soccorso aziendale introduce una particolare classificazione aziendale per quanto attiene le modalità di organizzazione del pronto soccorso ed individua i contenuti dei corsi di formazione degli addetti al primo soccorso.

Tale decreto specifica anche le attrezzature minime di equipaggiamento e di protezione individuale che il datore di lavoro deve mettere a disposizione degli addetti alla squadre di primo soccorso.

Classificazione delle aziende:

Aziende gruppo A:

  1. aziende o unità’ produttive con attività’ industriali, soggette all’obbligo di dichiarazione o notifica, di cui all’art. 2, del D.Lgs. n. 334/1999, centrali termoelettriche, impianti e laboratori nucleari di cui agli articoli 7, 28 e 33 del D.Lgs. n. 230/1995, aziende estrattive ed altre attività’ minerarie definite dal D.Lgs. 624/1996, lavori in sotterraneo di cui al DPR 1956, aziende per la fabbricazione di esplosivi, polveri e munizioni;
  2. aziende o unità’ produttive con oltre cinque lavoratori appartenenti o riconducibili ai gruppi tariffari INAIL con indice infortunistico di inabilità permanente superiore a quattro (desumibili dalla statistiche nazionali INAIL del triennio precedente pubblicate nella Gazzetta Ufficiale);
  3. aziende o unità produttive con oltre cinque lavoratori a tempo indeterminato del comparto dell’agricoltura.

Aziende gruppo B:

aziende o unità’ produttive con tre o più lavoratori che non rientrano nel gruppo A.

Aziende gruppo C:

aziende o unità produttive con meno di tre lavoratori che non rientrano nel gruppo A.

La durata dei corsi di formazione è illustrata nella tabella sottostante.

E’ obbligatorio un aggiornamento periodico ogni 3 anni.

Corso iniziale Aggiornamento
Aziende gruppo A 16 ore 6 ore
Aziende gruppo B / C 12 ore 4 ore

– Formazione addetti antincendio (D.M. 10/03/1998)

Il decreto legislativo 81/2008 all’art. 43 comma 1 lettera b) stabilisce che il datore di lavoro è tenuto a designare uno o più lavoratori incaricati dell’attuazione delle misure di prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione delle emergenze.

Ai lavoratori incaricati deve essere fornita una specifica formazione.

I contenuti dei corsi di formazione antincendio sono correlati al livello di rischio incendio delle aziende (rischio basso, rischio medio o rischio elevato) così come individuato e previsto dal D.M. 10/03/1998.

La durata dei corsi di formazione è illustrata nella tabella sottostante.

Corso iniziale Aggiornamento
Aziende rischio basso 4 ore 2 ore
Aziende rischio medio 8 ore 5 ore
Aziende rischio alto 16 ore 8 ore

Non è ancora stato emanato uno specifico Decreto che disciplini la durata e la periodicità del corso di aggiornamento per addetti antincendio. Si ritiene opportuno che l’aggiornamento avvenga comunque con frequenza triennale.

Formazione Datore di lavoro (art. 32, D.lgs. 81/2008)

L’Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 ha modificato anche le modalità di formazione del Datore di Lavoro che svolge direttamente il compito di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, così come previsto dall’art. 34 del D.lgs. 81/2008 e s.m.i.

In funzione del rischio aziendale, considerato in relazione al Codice ATECO 2007, il Datore di Lavoro dovrà svolgere corsi di formazione iniziale e di aggiornamento secondo le seguenti modalità:

Classificazione azienda (ATECO 2007)

Durata corso iniziale

Aggiornamento ogni 5 anni

RISCHIO BASSO

16 ore

6 ore

RISCHIO MEDIO

32 ore

10 ore

RISCHIO ALTO

48 ore

14 ore

Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011